Home Corteo storico

Tema corteo storico 2016

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’arte del fustagno ad Asti

Risale al XV secolo la decisione di Luigi d’Orléans di stimolare l’attività manifatturiera astigiana sia mediante lo scavo di un canale che derivasse l’acqua del Borbore e – permettendone l’utilizzo per azionare nuovi mulini, battitoi, seghe – sia mediante l’esonero per tre anni da ogni pedaggio o dazio sull’importazione di lana, cotone, gualdo, robbia e altre materie prime.

Il governatore di Asti Rinaldo di Dresnay confermò norme relative alla produzione del fustagno emanate da una commissione di dodici esperti nominati dal consiglio generale della città.

Si diffuse così ad Asti la produzione di fustagno, un tessuto misto di lana e cotone molto robusto, di aspetto simile al velluto, ma più economico.

Il tessuto veniva filato su dei telai e per coloralo veniva messo a bollire con foglie di erbe tintorie, la robbia (rosso) e il gualdo (blu). Le tele di fustagno venivano poi vendute sulle piazze di Savona e Genova.

Un’attività produttiva che contribuì a valorizzare le competenze tecniche e commerciali di Asti e del territorio, frutto del “buon governo” orleanese del quale trassero beneficio sia la città sia le località dell’esteso contado dipendente.

 

 

 

 

Tema corteo storico 1994

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Guido da Landriano per la seconda volta podestà di Asti


Per i suoi meriti di grande benefattore degli Astesi, Guido da Landriano è chiamato per la seconda volta a ricoprire la carica di Podestà di Asti. Si ricorda l'insediamento di Guido da Landriano giunto ad Asti, oltre che con i suoi famigliari, anche con la famiglia "pubblica", costituita da giudici, notai e "officiales" per coadiuvarlo nel disbrigo della pubblica amministrazione. Lo accompagnavano, inoltre, i berroviarii destinati a mantenere l'ordine pubblico. Al Podestà spettava anche il diritto di ordinare i supplizi capitali; per questo "poter di sangue" era sempre preceduto da un uomo che portava una spada sguainata.

Tema corteo storico 1996

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nozze di Margherita di Savoia e Giovanni I di Monferrato


Nel giugno del 1297 si celebrava il matrimonio di Margherita di Savoia e Giovanni I di Monferrato.
Preceduti dal Vescovo, Giudice e Notaio giungevano al castello degli sposi, seguiti da cavalieri, dame, ancelle e dalle insegne delle due casate: le nozze avvenivano prima davanti al Giudice, che ne confermava la validità e, successivamente, davanti al Vescovo che le consacrava; il Notaio doveva invece redigere l'atto di costituzione della dote.
Questo festoso evento rinsaldava i vincoli fra le due Casate e consentiva a Giovanni I di Monferrato di tornare in possesso dei territori sottrattigli dagli Astigiani.

Tema corteo storico 1999

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Gli abitanti di San pietro di Guarderabio cercano rifugio ad Asti

La via Francigena, passaggio obbligato per l'Europa Occidentale e la Città Santa, non fu soltanto strada di transito per pellegrini e mercanti, ma pure teatro, nei territori attraversati, di sanguinose battaglie. Si hanno notizie, verso la fine del XIII secolo, di un'aspra guerra tra il Marchese Guglielmo di Monferrato e gli Astigiani, sostenuti dal Conte Amedeo di Savoia.
Questi ultimi furono sconfitti e inseguiti lungo le colline della Valle Versa, dove il borgo di San Pietro di Guaderabio, verso Castell'Alfero, fu messo a ferro e fuoco.
Radunati i pochi averi rimasti, gli abitanti furono costretti ad abbandonare le case e a cercare rifugio nella vicina città di Asti.

Tema corteo storico 2001

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Valentina Visconti giunge ad Asti

Il 27 gennaio 1387 in presenza di legali, fu steso il contratto di matrimonio che solitamente avveniva prima dell'incontro tra i due sposi. A Valentina Visconti, figlia di Gian Galeazzo signore di Asti e di milano, venivano assegnate in dote le terre astesi, di cui faceva parte il feudo di Castell'Alfero. Tuttavia complicazioni politiche, piccole guerriglie ed ostacoli costrinsero Valentina a rinviare il viaggio in Francia dove avrebbe incontrato il promesso sposo. Solo a metà del 1389 Valentina riuscì apartire per la Francia con gran seguito di nobili, dame, notai, il padre Gian Galeazzo e la seconda moglie di lui Caterina Visconti. Nel giugno dello stesso anno Valentina giunse ad Asti per prendere possesso delle terre avute in dote.

Tema corteo storico 2002

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La pace siglata nel 1364 tra Giovanni II Paleologo, marchese di Monferrato e Galeazzo Visconti, signore di Milano

Le ostilità tra il Marchese di Monferrato e i Visconti perduravano ormai dal gennaio 1356, quando il Marchese conquistò Asti e Castell'Alfero ne seguì le sorti. Inziò così un lungo e sanguinoso periodo di lotte e sconvolgimenti di confine causato dai capitani di ventura assoldati da Giovan II. Tra questi si distinguevano le truppe inglesi (la Compagna Biaca di Albertterz o quelle di Robn du Pin) temute per il loro comportamento efferato. Per riportare la pace intervenne Papa Urbano V che inviò, in qualità di pacere, il nunzio apostolico Padre Marco da Viterbo, dell'ordine dei frati di S.Francesco. L'opera dei legati pontifici si concretizzò il 27 gennaio 1364 con la pace fra Monferrato e Milano a condizione che i Visconti cedessero al Paleologo i territori dell'astigiano. In contropartita il Marchese avrebbe ceduto i territori del pavese e garantito la ritirata nell'Italia centrale della sanguinaria Compagnia Bianca.

Tema corteo storico 2003

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'abbigliamento dall'anno mille alla fine del Medioevo

La moda era molto importante nel Medioevo, come i re costruivano castelli per impressionare la popolazione, così i più facoltosi si abbigliavano con sfarzo per affermare il proprio prestigio.

Nel primo Medioevo i ricchi indossavano abiti relativamente semplici ma a partire dal XII secolo la moda si fece più elaborata.
Proprio come oggi, i modelli di scarpe e copricapo, le acconciature, la foggia di vesti e sopravesti cambiavano ogni anno.
Nel XIII e XIV secolo in molte parti d'Europa furono varate leggi contro il lusso eccessivo, ma non furono in genere rispettate.
Il Comune di Castell'Alfero rappresenta i vestiti dei nobili dal primo medioevo, quindi molto poveri, fino alla fine del periodo, con costumi molto sfarzosi, ricchi e coloratissimi.

Tema corteo storico 2004

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La crociata dei fanciulli

Nel 1212, in un clima di profondo zelo religioso,ma anche di ottuso fanatismo,avvenne un fatto che le cronache non ebbero il coraggio di raccontare appieno. Come annota un cronista bavarese 'Migliaia di poveri bambini di ambo i sessi dei quali nessuno forse contava più di dodici anni' partirono quasi contemporaneamente dalla Renania e dalla Francia del Nord in due distinte, spensierate processioni: la loro meta era la Terra Santa, il loro fine ultimo la liberazione di Gerusalemme ed il ritrovamento della Santa Croce. Sotto la guida del giovane Nicola e del pastorello Stefano, "gli stolti bambini"bivaccavano durante il loro lungo ed estenuante viaggio alle porte delle città. Ad essi si unirono ben quattrocento chierici, folle di vergini, madri con lattanti al seno, prostitute, giovanissimi servi e pure "figli adolescenti di nobili signori". Erano un numero incredibile, ma molti periranno di stenti, per naufragio o saranno venduti come schiavi, pochi sopravvivranno alla folle impresa. Una delle due colonne dei Crociati fanciulli, la germanica capeggiata da Nicola, si incanalò in una importantissima strada che univa il valico alpino del Moncenisio al porto di Genova. Partiti da Colonia si diressero versi il Mar Mediterraneo; forse era con loro sin dalla partenza proprio qualche giovanissimo astigiano, appartenente alle famiglie dei Pelletta, dei Roero, dei Troya, dei Rocca e degli Asinari. Risalirono il Reno e raggiunsero le Alpi, entrando in Italia per il colle del Moncenisio. Lasciato il colle, la colonna ormai stanca e decimata scese al piano proseguendo sino ad Asti dove entrarono verso la metà di agosto accolti con affabilità: negli sfarzosi palazzi di proprietà delle famiglie originarie dei fanciulli astigiani, si festeggia il loro passaggio in città e la loro partecipazione alla grande intrepida impresa. Si raccolgono viveri e denaro che saranno consegnati ai giovanissimi crociati, accampati appena fuori le mura nella "Chiesa del Santo Sepolcro". Inoltre, ben duecento adolescenti, per buona parte appartenenti a famiglie nobili o borghesi, guidati dai due giovani della loro stessa età Giacomo di Pallaveno ed Ercole Costa, si uniscono alla moltitudine già pronta a lasciare la città. Lasciata Asti si diressero verso Genova per imbarcarsi e raggiungere la Terra Santa. 

Tema corteo storico 2006

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Unione di Margherita di Savoia.Acaja con Teodoro II Paleologo marchese di Monferrato

Il 17 gennaio del 1403, a soli tredici anni, Margherita di Savoia - Acaia, pedina nel gioco diplomatico del tempo, affidato in gran parte ad alleanze matrimoniali, fu costretta dallo zio Ludovico I, diventato suo tutore alla morte del padre Amedeo I nel 1402, a sposare Teodoro II Paleologo, marchese di Monferrato, uomo non più giovane, vedovo e con due figli a carico. Infatti proprio nel dicenbre 1402 molti signori del Piemonte, Teodoro II e Ludovico principe d'Acaia, furono convocati nel palazzo vescovile di Asti alla presenza di Enrico Scarampi d'Asti, divenuto Vescovo d'Acqui, in quanto la tregua nella guerra tra il marchese dei Monferrato e Amedeo d'Acaia, fratello di Ludovico e padre di margherita, stipulata nel 1401 stava pes scadere. Il matrimonio tra Margherita e il marchese Teodoro di Monferrato era parte fondamentale della convenzione per far sì che si giungesse alla firma del Trattato che prevedeva una tregua di dieci anni. (Documento firmato nel marzo 1403). Fu proprio grazie ad una lettera indirizzata alla ragazza dal Vescovo Scarampi e datata 5 dicembre 1402 che Margherita, nonostante avesse il desiderio di consacrarsi esclusivamente al servizio di Dio, decise di acconsentire, suo malgrado, alle nozze. Riviviamo l'incontro di Margherita "la Beata" con il marchese di Monferrato. La giovane, futura sposa, era accompagnata dalla sorella matilde, dal Vescovo di Acqui, Enrico Scarampi divenuto sua guida spirituale e dai nobili di corte. portava in dote 30.000 genovine d'oro e metà del dominio della città di Mondovì. Teodoro II era accompagnato dai figli Gian Giacomo e Sofia e dalla sua corte.