Tema corteo storico 2012

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il mulino della "Paglia"

Correva l’anno 1455 quando Gabriele Amico e Stefano Turno ottennero, su licenza del duca Carlo d’Orléans e con l’intercessione della Società del Moleggio di Asti, il permesso di costruire un mulino sul torrente Versa, sulla sponda opposta del sito ove ancora sorge la chiesa della Madonna della Neve. In tempi successivi il possesso del mulino (in seguito denominato “della Paglia”) si rivelò importante per le ulteriori acquisizioni territoriali e per l’ascesa sociale della famiglia Amico che, protagonista di una brillante ascesa tra le élites dello Stato sabaudo, legherà il proprio nome a quello del paese. Ne fornisce conferma una transazione avvenuta due anni più tardi: al 1457 risale, infatti, la suddivisione del mulino e dei beni ad esso afferenti tra Gabriele Amico e il monastero della Certosa di Asti, accordo che permise di riaffermare i titoli di possesso del casato.

Nel documento, tuttavia, non è citato Stefano Turno, nonostante il suo intervento nella costruzione del mulino nel 1455 e la sua indubbia cittadinanza alferese, comprovata dalla partecipazione di ben cinque membri della famiglia dei Turno alla stesura degli statuti comunali.
Ad oggi del mulino “della Paglia” rimane, parzialmente interrata, la sola pietra molare.